Il Presidente della SIPPS Dott. Giuseppe Di Mauro candidato alle prossime elezioni per il rinnovo del Consiglio provinciale dell’Ordine professionale dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Caserta

Il Presidente della SIPPS Dott. Giuseppe Di Mauro candidato alle prossime elezioni per il rinnovo del Consiglio provinciale dell’Ordine professionale dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Caserta

Il numero uno della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale nella lista “Professione medica: “Missione Sociale”“

 

Caserta, 28 ottobre 2014 – Anche il Presidente della SIPPS, Dott. Giuseppe Di Mauro, è tra i candidati alle elezioni per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Caserta, che si terranno dal 29 novembre al primo dicembre prossimi.

Il numero uno della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale fa infatti parte della lista “Professione medica: “Missione Sociale”“, composta da medici di Base e Pediatri di libera scelta, medici del servizio di emergenza 118, medici delle Aziende Ospedaliere pubbliche e dell’Ospedalità privata, convenzionata e non, oltre a medici funzionari dell’ASL. Candidato Presidente è Francesco Cesaro, cardiologo dell’Azienda Ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano“ di Caserta.

“Per il triennio 2015-2017 – ha dichiarato il Dott. Giuseppe Di Mauro – siamo pronti a mettere in campo tutte le nostre forze per raggiungere il nostro obiettivo: la rivalutazione della figura del medico nella società ed il recupero del nostro ruolo sociale. Il tutto, sempre e comunque a garanzia della salute dei pazienti, grandi e piccoli”.

La lista “Professione medica: “Missione Sociale” è composta, per il Consiglio Direttivo (scheda bianca), dai dottori Francesco Cesaro, Gabriella D’Ambrosio, Saverio D’Elia, Luigi Di Lorenzo, Giuseppe Di Mauro, Maurizio Di Stasio, Giuseppe Forte, Giuseppe Giuliano, Federico Iannicelli (presidente uscente), Carlo Nubi, Rachele Nugnes, Antonio Orsi, Vincenzo Perone, Aquilino Polito e Giovanni Russo mentre, per il Collegio dei Revisori (scheda verde), da Luigi Della Gatta, Alberto Negro, Amedeo Iovinelli e Maddalena Della Ventura.